gea and the city

Abrogate Schengen, oppure, tre donne al giapponese, dopo la chiusura

Tu non sai che ho subito un’aggressione.
Ma figurati, di cosa stai parlando?
Vabbè, su, un’aggressione. Lo hai fatto entrare. Anzi, lo hai invitato a cena!
Sì, è vero, l’ho invitato a cena.
Ahhah, un’aggressione dicevi.
Sì comunque è stata un’aggressione: mi sentivo la Polonia.
Lui faceva la Germania?
Oppure un’Austria piccola ma incazzata.
Bisognerebbe rimettere le barriere.
Colpa nostra, le abbiamo fatte crollare troppo in fretta.
Un po’ tipo Schengen, insomma.
Sì, dovremmo abrogare Schengen, ecco.
Oppure smettere di sbronzarsi e invitare la gente a cena.
Quella è un’altra possibilità, in effetti.

[l’amica esperta orientale, l’amica esperta africana e quella che non è esperta di una mazza, la vittorio zucconi de noantri insomma]

3 Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.