musica,  personaggi

un matrimonio albanese

Era solo per ricordare
l’ultimo verso dell’Infinito
e i tuoi occhi come lo stagno
e una carezza sul tuo vestito
Poi d’improvviso tutti gli anni per terra
come i capelli dal barbiere
Come la vita che non risponde
e il tempo fa il suo dovere


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.